4. Cultura e turismo. L’arancione è per noi il colore dell’energia.

Progetto Bandiera

Protocollo d’intesa per mettere in relazione permanente tutti gli Enti (Assessorato alla cultura, Fondazione Città Spettacolo, Università, Conservatorio, Curia, Associazioni Culturali, ecc.) che operano nel settore culturale al fine di: 

  • creare sinergia nella produzione di eventi ed attività culturali;
  • ricercare finanziamenti per progetti di alta qualità;
  • concedere spazi pubblici e patrocinio, tenendo in conto che il principale profitto che il Comune deve ottenere concerne sia l’incremento della proposta culturale rivolta ai cittadini che l’agevolazione delle attività di chi lavora nel settore, nonché l’utilizzo delle strutture pubbliche che altrimenti vanno incontro all’abbandono e al disfacimento;
  • promuovere attività di marketing culturale e di divulgazione;

  • Rilancio della Fondazione “Benevento Città Spettacolo” che va ristrutturata e resa maggiormente aderente alle attuali prerogative di enti analoghi. I membri del CdA verranno nominati in base a comprovate competenze in ambito culturale e artistico, con particolare riferimento agli aspetti gestionali e organizzativi. Alla Fondazione affideremo il compito di valutazione e di consulenza per la programmazione delle attività culturali del Comune durante l’intera annualità.
  • Programmi di formazione e divulgazione per accrescere l’interesse culturale, allargare il pubblico degli eventi e sensibilizzare i più giovani ai beni e alle risorse cittadine. In particolare, si punterà a:
    • fare degli eventi culturali di maggiore risonanza l’approdo finale di un percorso formativo e divulgativo annuale, concertato con le scuole, inerente la pratica e la storia del teatro, della musica e della danza, nonché incontri sui temi concernenti le diverse materie – storiche, letterarie, ecc. – oggetto delle tematiche trattate dagli eventi medesimi;
    • organizzare incontri con esperti cittadini e non – sempre in collaborazione con Istituti Scolastici e Università – che possano integrare i programmi ministeriali con i propri contributi su musica, teatro, cinema, arte, letteratura mondiale, oltre che su storia e tradizioni locali;
    • incentivare scambi con le compagnie teatrali, musicali e le altre rimarchevoli produzioni artistico-culturali ospitate in città; ad esempio, fornendo un maggior supporto in termini di servizi (logistica, coproduzione, palchi, ecc.) ottenendone in cambio know-how per i giovani di Benevento, con seminari, stage e altre modalità di formazione.

  • Intervento di rigenerazione urbana dell’ex Manifattura Tabacchi di via XXV Luglio per creare una struttura congressuale che consenta, sfruttando le bellezze della città e del Sannio, di ospitare convegni di natura regionale e nazionale con l’evidente indotto che ne deriverebbe. L’ampio spazio dell’ex Manifattura, in connessione con la struttura congressuale, diventerà la sede delle Officine dell’Arte e della Creatività, luogo di elezione cittadino per la produzione culturale e artistica in tutte le sue forme (musica, danza, teatro, cinema, ecc.), nonché di un incubatore di imprese creative al fine di sostenere e accompagnare la nascita di esperienze imprenditoriali, con l’ausilio di un partner specializzato nel settore della cultura, quale obiettivo strategico del nostro programma amministrativo per trattenere sul territorio i nostri tanti giovani talenti. A beneficio di artigiani digitali si creerà, sempre in questa struttura, un Fab Lab dove essi troveranno dispositivi e tecnologie (stampanti 3D, schede a microcontrollori, sensoristica, ecc.) per la fabbricazione di prototipi. Per tale polo a servizio dell’intera città si dovrà pensare una gestione autonoma in grado di autosostenersi, senza oneri per il Comune.
  • Piano di marketing territoriale congiuntamente a tutti gli enti locali e agli operatori del settore (Università, Curia, Musei, Conservatorio, Associazioni culturali, Imprese, etc.), in modo da produrre un brand unitario teso a proiettare Benevento oltre i propri confini provinciali e regionali. Tale marketing dovrà operare strategicamente su più fronti, da quello museale al singolo evento culturale, dall’aspetto paesaggistico a quello enogastronomico, al fine di rendere riconoscibile e attraente la Città dal punto di vista turistico. A tale proposito, sosterremo il Distretto Culturale Turistico, che prevede la costruzione di una Rete tra Istituzioni, Imprese e Associazioni per favorire il dialogo tra le diverse filiere.
  • Sviluppo di piattaforme e strategie digitali per l’accesso al patrimonio culturale, come incentivato anche dal PNRR, con l’obiettivo di incrementare, organizzare, integrare e conservare il patrimonio digitale di archivi, biblioteche, musei e luoghi della cultura, in coordinamento con enti statali ed ecclesiastici, con l’obiettivo di offrire a cittadini e operatori nuove modalità di fruizione.
  • Riproposizione di eventi che nel recente passato hanno conferito a Benevento una risonanza nazionale e internazionale (ad esempio, Universo Teatro, Colori Sonori ecc.). Valorizzeremo le prerogative demo-etno-antropologiche e culturali del territorio (ricerca di usi, tradizioni, letteratura e musiche popolari, rievocazioni storiche, leggenda delle streghe, Canto Beneventano, ecc.).
  • Attivazione di un portale web che promuova il nostro patrimonio storico, artistico e culturale. In esso troveranno spazio il calendario degli eventi e manifestazioni che si tengono in città, visite virtuali a musei, monumenti, ecc. (anche in 3D e realtà aumentata), al fine di rendere Benevento maggiormente nota e visibile, nonché stimolare flussi di visitatori in presenza. Attiveremo la promozione turistica territoriale, attualmente carente, anche mediante gli strumenti minimi, quali la segnaletica necessaria, le brochure e le mappe turistiche.
  • Valorizzazione del sito Unesco affinché esso venga maggiormente tutelato e riconosciuto, sia all’interno della comunità cittadina che a livello nazionale e internazionale, proponendo maggiori sinergie con le altre realtà del sito “Italia Langobardorum”.
  • Sviluppo del turismo slow in cooperazione con tutte le istituzioni pubbliche, gli imprenditori del settore alberghiero ed enogastronomico e in generale i fornitori di servizi turistici. Seguiremo le linee strategiche per l’affermazione della biodiversità, affinché il turismo risulti anche a Benevento una leva importante per il rilancio economico. Sosterremo pertanto lo sviluppo di attività sostenibili dal punto di vista ambientale, economico e sociale e l’attenzione alla riduzione degli impatti sulle risorse naturali, nonché l’individuazione di motivazioni di viaggio “slow” e relativa veicolazione verso target selezionati (cicloturisti, turismo attivo, turismo emozionale). Tale sviluppo passa necessariamente per la riqualificazione urbana, del patrimonio culturale e del sistema di accoglienza. In particolare, il Mibact da anni promuove una nuova dimensione turistica, quella dei Cammini d’Italia, intesa a valorizzare e mettere a sistema il ricco patrimonio composto dalla rete di Cammini – storici, naturalistici, culturali e religiosi – che, da nord a sud, attraversano il Paese rappresentando una quota fondamentale nell’offerta del turismo lento italiano, oggi peraltro in fortissimo incremento. Benevento, oltre ad essere luogo di partenza del Cammino dell’Arcangelo, si trova all’incrocio di due delle vie più importanti in assoluto – l’Appia e la Francigena del Sud – eppure non risulta essere un POI, cioè un punto di intersezione, di interesse o di ingresso. Sarà nostro dovere soddisfare tutti i requisiti necessari affinché Benevento colmi tale lacuna divenendo a buon diritto uno snodo fondamentale.
  • Nuovo Turismo Musicale. Un progetto che può sviluppare una diversa offerta turistica «esperienziale artistica e musicale» che pone l’arte come sistema unificante di momenti anche enogastronomici nei luoghi più affascinanti e suggestivi del nostro patrimonio storico-architettonico e ambientale.

Luigi Diego Perìfano - Candidato Sindaco Benevento
Elezioni Amministrative 2021